Cosa sono i marketplace?

Cosa sono i marketplace?

Prendiamo spunto da quanto afferma Wikipedia, l'enciclopedia libera, per definire i marketplace:


I marketplace sono il luogo reale o metaforico in cui avvengono degli scambi... In altre parole il marketplace è un mercato online in cui sono ragruppate le merci di diversi venditori o diversi siti web

I marketplace sono utili a chi vende online?

Per dare una risposta a questa domanda è necessario capire quali sono le tipologie e le caratteristiche dei marketplace, e quali sono i costi da affrontare per chi vende.


Tra le diverse tipologie di marketplace, mi limito a citarne tre:

  • I marketplace con tante merceologie di prodotto, per esempio gli elettrodomestici e l'elettronica di consumo; tanti diversi prodotti per un unico contenitore. www.eprice.it
  • I marketplace con una merceologia specifica di prodotto, per esempio la bicicletta; tanti prodotti collegati unicamente al mondo della bicicletta. www.cercobici.com
  • I marketplace collegati ad una caratteristica specifica del prodotto oppure ad una modalità di lavorazione, per esempio solo prodotti artigianali fatti a mano, tanti prodotti con un unico denominatore comune: "Fatti a mano". www.etsy.com


Ogni marketplace ha una propria identità ed una propria forza di penetrazione nel mercato online.


I venditori all'interno del marketplace hanno a disposizione una vetrina nella quale inseriscono i dati della loro attività e un numero di articoli ad essa abbinata. I prodotti saranno visibili sia nella vetrina e sia nella pagina della categoria di appartenenza del prodotto.


Con l'aumentare delle visite aumenta la possibilità di vendita del prodotto.


I costi del marketplace

I costi che il venditore deve affrontare sono legati ai servizi della piattaforma e alle vendite effettive, realizzate nel marketplace, dei propri prodotti. 


Facciamo qualche esempio:


  • Eprice.it, un marketoplace italiano per la vendita di elettrodomestici ed elettronica di consumo, propone:
    • un abbonamento mensile di 29 € (nel momento in cui scrivo offre i primi 3 mesi gratuiti);
    • nessuna commissione per il caricamento dei prodottie la gestione dell'inventario;
    • una commissione dal 5% al 8% sul prezzo di vendita a seconda della categoria merceologica del prodotto.

  • Eatsy.com, un marketplace internazionale per la vendita di prodotti "fatti a mano", propone:
    • costo dell'inserzione pari a 0,20 $ per ogni articolo inserito nel sito o nelle app mobile;
    • commissione di transazione (vendita) pari al 3,5% sul prezzo del prodotto;
    • una commissione per l'elaborazione per i pagamenti che varia in base all'ubicazione del conto bancario dell'utente.

  • Altri marketplace propongono tariffe leggermente più articolate che possiamo semplificare in:
    • abbonamento mensile da 30 € o fisso di 0,99 € per articolo venduto;
    • commissione sulla segnalazione dal 7% al 45% a seconda della categoria di prodotto;
    • in alcuni articoli ci sono anche le spese di gestione della spedizione

E quindi?

Con le nuove informazioni a mia disposizione non credo di poter dare una risposta certa e soddisfacente alla domanda iniziale. Posso però proporti alcune riflessioni che potrai trasferire nella tua attività e trarne beneficio:


  • Vendere nei marketplace ha un costo che non tutti riescono a sostenere con la redditività degli articoli in vendita, soprattutto se si tratta di distributori. Un maggior vantaggio potrebbe andare a favore dei produttori che spesso godono di una redditività più ampia. In ogni caso fai bene i tuoi conti.
  • Non bisogna considerare solo il prezzo. Non sono d'accordo quando si afferma che è necessario il prezzo più basso per vendere online. Ci sono venditori che, nonostante il prezzo basso, non godono della fiducia del cliente e per questo non realizzano vendite sufficienti.
  • Testare i prodotti in nuovi mercati attraverso un marketplace è un'opportunità che dovremmo valutare prima di fare importanti investimenti. 

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

Ricerca

Iscriviti al blog

Ultimi articoli

Non stiamo parlando di un ponte fisico, ma della Joomla! World Conference che si terrà a Roma a Novembre.

Vi racconto l'evento su SEO (search engine optimization) e i principali CMS per la gestione dei contenuti dei siti web.

Venerdì 5 maggio è ufficialmente partito il nuovo Capitolo BNI Gheppio, un team di imprenditori e professionisti.

Il 29 Aprile ho superato l'esame per ottenere la certificazione di Google riguardante i siti web per dispositivi mobili.

Facebook