Risultati per l’eCommerce B2C in Italia 2015

Risultati per l’eCommerce B2C in Italia 2015

 

In questi giorni è stato pubblicato da Osservatori Digital Innovation della School of Management del Politecnico di Milano l’annuale studio “Osservatorio eCommerce B2c” che analizza l’andamento e lo stato del commercio on-line. Al di là dei dati sulla crescita quello che le aziende oggi non dovrebbero ignorare sono i risultati raggiunti dal mobile e di come stia cambiando il comportamento d’acquisto dei clienti.

 

Il Mobile

Quello che salta all’occhio nella ricerca è il forte aumento degli acquisti tramite smartphone che registrano un +64% cioè un 10% del totale che passa al 21% se si considerano anche gli altri device mobili: i tablet. La causa di questo incremento è senza dubbio la diffusione degli strumenti mobile che facilitano la connessione. Il dato è significativo non solo per chi ha un eCommerce, ma anche per le aziende che hanno un sito internet istituzionale, il cliente sta sempre più utilizzando tutti gli strumenti di connessione per navigare, presentarsi con siti web che non sono compatibili per tutti i device, consentendo una buona esperienza di navigazione per il potenziale cliente, equivale ad autoescludersi da una fetta di mercato.

 

Il comportamento d’acquisto

Le aziende che negli ultimi anni si sono informate sull’eCommerce sanno che online la vendita di servizi prevale sulla vendita di beni, tuttavia nel 2015 l’acquisto di beni registra una crescita più forte, segno che anche questo tipo di acquisto sta prendendo piede fra i consumatori.

Una delle preoccupazioni maggiori delle aziende spesso è come coniugare la vendita online e quella offline temendo una cannibalizzazione delle vendite o vedendo il lavoro di diffusione di informazioni utili come un regalo ai concorrenti.
I fenomeni di infocommerce (cercare informazioni online mentre si osserva un prodotto in un negozio) che ha raggiunto gli 8,5 milioni di individui e di showrooming (cercare in un negozio un prodotto già visto online) che conta 13,6 milioni di acquirenti, evidenziano il comportamento multicanale adottato dai clienti che di conseguenza deve essere adottato anche dalle aziende per rispondere alle loro esigenze e interagire con loro nel momento giusto.

 

Le vendite

Ora vediamo quali sono i dati di crescita dell’eCommerce registrati dall’Osservatorio sia per quanto riguarda le vendite che gli acquirenti online. Gli acquisti on-line effettuati dagli Italiani sono cresciuti del 16% rispetto al 2014 raggiungendo la penetrazione del 4% sul totale retail. Gli acquirenti abituali, che acquistano almeno una volta al mese, hanno raggiunto nel 2015 gli 11,1 milioni.
Ai settori già affermati (turismo, abbigliamento, editoria, informatica ed elettronica) si aggiungono Food & Grocery, Beauty, giocattoli ed arredamento. Questo rende evidente che le tipologie di prodotti non siano di per sé un ostacolo alla vendita online e che non sia la domanda da parte dei clienti a mancare, ma è ancora l’organizzazione dell’offerta il più grosso limite all’eCommerce.
Infine dato positivo anche per l’Export +22%.

 

Se questi dati ti hanno colpito, vuoi capire come far entrare la tua azienda nel mondo dell'e-commerce o come ottenere di più dal tuo sito di commercio elettronico, scopri il nostro servizio per l'e-commerce e richiedi maggiori informazioni.

 

Link e Fonti
Osservatorio eCommerce B2c
Osservatorio eCommerce B2c Infografica

 

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

Ricerca

Iscriviti al blog

Ultimi articoli

Non stiamo parlando di un ponte fisico, ma della Joomla! World Conference che si terrà a Roma a Novembre.

Vi racconto l'evento su SEO (search engine optimization) e i principali CMS per la gestione dei contenuti dei siti web.

Venerdì 5 maggio è ufficialmente partito il nuovo Capitolo BNI Gheppio, un team di imprenditori e professionisti.

Il 29 Aprile ho superato l'esame per ottenere la certificazione di Google riguardante i siti web per dispositivi mobili.

Facebook