Fare pubblicità online con Adwords: cara, ma quanto mi costi?

Fare pubblicità online con Adwords: cara, ma quanto mi costi?

Quando si arriva a parlare di pubblicità online la prima domanda da parte dell’azienda è sempre: “ma quanto costa?” temendo prezzi al pari o superiori di inserzioni sui vari mezzi di comunicazione tradizionali.

Scoprire che in molti casi non c’è un budget prefissato e che può essere stabilito da loro stessi se da un lato tranquillizza perché di fatto ridimensiona l’investimento ed il rischio, dall’altro lato fa aprire altri dubbi, da “quanto devo investire” si passa a “quanto dovrei investire”.

Una risposta univoca non c’è ma con Adwords in particolare ci si può arrivare utilizzando gli strumenti messi a disposizione da google, in questi passaggi:

 

  • selezionale le parole chiave e verificarne il costo
  • stabilire quanto deve durare la campagna
  • determinare quante conversioni si vorrebbero ottenere
  • fare una prova per accertare se si verificano le stime date da google

 

Nel caso il budget massimo a disposizione non permetta di essere competitivi per le parole chiavi più gettonate e quindi più costose, non è detto che si debba rinunciare alla campagna ma si può andare in cerca di parole chiave meno utilizzate dagli utenti e quindi meno interessanti per le aziende del settore. Lavorando attentamente sugli annunci si potranno ottenere risultati anche con queste parole chiave e campagne a minor budget, potrebbero però richiedere tempi più lunghi.

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

Ricerca

Iscriviti al blog

Ultimi articoli

Non stiamo parlando di un ponte fisico, ma della Joomla! World Conference che si terrà a Roma a Novembre.

Vi racconto l'evento su SEO (search engine optimization) e i principali CMS per la gestione dei contenuti dei siti web.

Venerdì 5 maggio è ufficialmente partito il nuovo Capitolo BNI Gheppio, un team di imprenditori e professionisti.

Il 29 Aprile ho superato l'esame per ottenere la certificazione di Google riguardante i siti web per dispositivi mobili.

Facebook