Le liste per e-mail marketing acquistate, sono un’opportunità?

Le liste per e-mail marketing acquistate, sono un’opportunità?

Un paio di giorni fa ho ricevuto sul mio account di posta aziendale e su altri account di posta, sempre aziendali, una e-mail pubblicitaria di un e-commerce di prodotti professionali. Il settore di utilizzo è molto specifico e difficilmente potrebbe interessare privati o aziende che non si occupano di manutenzione e pulizia. Non sono quindi prodotti che per la facilità e la frequenza di utilizzo nella vita quotidiana possono far rientrare quella e-mail pubblicitaria in una logica di “sparo nel mucchio”.

Ad esempio: se vendo prodotti professionali per la pulizia e la cura della persona è molto probabile che facendo un invio massiccio di e-mail ad una lista di utenti non in target avrò comunque delle conversioni anche se le marche sono meno conosciute presso il grande pubblico ed i formati venduti sono più grandi rispetto ai flaconi dei supermercati. Questo perché anche se invio ad account aziendali a leggere le e-mail sono persone che di fronte a questo messaggio diventano acquirenti privati. Poi il bisogno di pulizia che soddisfano i prodotti del mio e-commerce sono universalmente sentiti dai riceventi, indipendentemente dal fatto che siano privati e non professionisti del settore. Detto questo, non sto consiglio ad aziende che si rispecchiano in questo esempio di effettuare e-mail marketing con una logica di invio massiccio non targettizzato.


Tornando alla e-mail pubblicitaria che ho ricevuto, l’invio è stato fatto dall’agenzia web che ha anche realizzato il sito e-commerce e conteneva link con parametri che consentono il tracciamento dei click.

È escluso che io mi sia iscritta al sito e-commerce pubblicizzato e all’altra agenzia web, per mancanza di interesse verso entrambe le aziende.

Con tutta probabilità quindi l’agenzia web ha utilizzato uno dei molti strumenti che estrapolano indirizzi email dal web e che l’azienda abbia pagato l’invio dell’email, senza acquistare i nominativi, in base al numero di indirizzi presenti nella lista (ipotesi peggiore) o in base ai click verso il sito web ottenuti (ipotesi migliore).

I problemi di queste liste per l'email marketing, sia se si acquistano che se si noleggiano, è che non se ne conosce la qualità, se corrispondano al target eventualmente dichiarato, se sono aggiornate, come sono stati raccolti i dati.

Come in questo caso, potremmo finire a fare un invio massiccio a utenti non in target sprecando solo tempo e budget. Ma se l’utente non ha acconsentito a riceve e-mail pubblicitarie potrebbe anche segnalarci come spammer ed il nostro IP potrebbe finire nelle black list impedendoci anche il normale scambio di posta elettronica e nessuna azienda può permettersi una cosa del genere. Potremmo anche incappare nelle Spam Traps, indirizzi e-mail attivati da gestori di posta proprio con lo scopo di individuare chi invia e-mail a liste non pulite e non raccolte previo consenso dell’utente, anche in questo caso finiremmo nelle liste di spammer.

Se avete acquistato o noleggiato liste per l’email marketing i consigli sono:

  • verificate attentamente i risultati ottenuti, in particolar modo: tasso di apertura, tasso di clic, tasso di conversione sul sito web, n. di e-mail che non è stato possibile recapitare e valutate se riallocare il budget in altre iniziative;
  • non fate l’invio con la vostra posta, ma utilizzate uno strumento a parte come Mailchimp (strumenti come questo possono rilevare se la lista è a rischio impedendovi proprio di effettuare l’invio, e se riuscite a fare l’invio nel peggiore dei casi avrete l’account bloccato ma nessun problema per la gestione della vostra casella aziendale);
  • iniziate una strategia autonoma di raccolta nominativi.

Se non avete acquistato liste per l’email marketing i consigli sono:

  • non acquistatele;
  • iniziate una vostra strategia di raccolta di indirizzi e-mail.

Meritano un discorso a parte invece le liste raccolte dagli enti organizzatori di eventi e manifestazioni. Di solito sono costruite con i dati di chi ha partecipato o dimostrato interesse negli anni passati e si possono noleggiare per comunicare la propria partecipazione alla nuova edizione dell’evento o di messaggi analoghi.

Queste liste per l'email marketing di solito sono ben costruite ed in target e non si rischia di incorrere in problemi legati allo spam in quanto l’invio viene fatto da chi offre la lista. Sono però solitamente molto costose per questo è bene verificate attentamente i risultati ottenuti e i dati: tasso di apertura, tasso di clic, tasso di conversione sul sito web.

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

Ricerca

Iscriviti al blog

Ultimi articoli

Non stiamo parlando di un ponte fisico, ma della Joomla! World Conference che si terrà a Roma a Novembre.

Vi racconto l'evento su SEO (search engine optimization) e i principali CMS per la gestione dei contenuti dei siti web.

Venerdì 5 maggio è ufficialmente partito il nuovo Capitolo BNI Gheppio, un team di imprenditori e professionisti.

Il 29 Aprile ho superato l'esame per ottenere la certificazione di Google riguardante i siti web per dispositivi mobili.

Facebook