Il web marketing mette le persone al centro!

Il web marketing mette le persone al centro!

Il marketing tradizionale vede il consumatore come un obiettivo da colpire.
È stato, e continua ad esserlo, ripetutamente colpito da messaggi pubblicitari con lo scopo di persuaderlo all'acquisto di beni o servizi.
Internet cambia le regole del gioco trasformando il consumatore da soggetto passivo a persona attiva.

Attraverso internet il consumatore ha a disposizione una grande mole di informazioni e la possibilità di esprimere un proprio giudizio su beni e servizi, condividendolo con tutti i consumatori presenti nella rete. Questo cambia in modo sostanziale il processo di acquisto, sia online che nei classici negozi cittadini.

Prima della diffusione di internet il processo di acquisto del consumatore veniva basato su 3 fasi:

momento verita

Lo Stimolo
Il consumatore viene stimolato all'acquisto attraverso un messaggio pubblicitario oppure, per sue esigenze, ha una reale necessità di quel bene o servizio.

Primo momento della verità
Il consumatore entra nel negozio a lui più vicino, si mette di fronte allo scaffale e sceglie quale marca acquistare tra quelle a disposizione nello scaffale.

Secondo momento della verità
Nell'uso del prodotto, a casa sua, il consumatore può stabilire se l'acquisto è stato "buono" e se il prodotto gli piace.

Il momento zero della verità

Nel 2011, a seguito di uno studio effettuato su 5000 aziende di 12 categorie merceologiche diverse, Google introduce il concetto di momento Zero della verità, ossia il momento in cui il consumatore, dopo aver ricevuto lo stimolo pubblicitario, va su internet e ricerca informazioni sul bene da acquistare.

È un momento importantissimo, il consumatore dispone di una enorme quantità di informazioni che le aziende mettono a disposizione nel web.

Proviamo a tracciare un dettaglio delle attività che può compiere il consumatore in questo momento.

zmot

Il consumatore utilizza un motore di ricerca che lo guida nella selezione delle informazioni.

Il consumatore legge recensioni ed opinioni su blog e portali tematici e fa esperienza del prodotto.

Il consumatore chiede pareri ad amici e contatti sui social network condividendo l'esperienza di persone fidate.

Il consumatore confronta le offerte attraverso i comparatori di prezzo. Non sempre la scelta cade sul prezzo più basso, contano anche autorevolezza e servizio.

È evidente che c'è un nuovo momento critico nella fase di acquisto del consumatore, una fase dove vengono acquisite informazioni e si creano relazioni con altre persone e con le aziende, se te lo lasciano fare.

Post Scriptum
È una situazione che viviamo quotidianamente. In qualsiasi posto provvisto di linea e con chiunque siamo, al primo interrogativo utile, prendiamo lo smartphone dalla tasca ed iniziamo ad interrogare il motore di ricerca; oppure abbiamo l'app che fa già al caso nostro.
È questo il momento dove le aziende devono essere presenti e soddisfare le aspettative del consumatore, considerando gli strumenti più efficaci per la propria attività.
Attenzione però, non funziona come un interruttore [acceso/spento] è un'attività che ha bisogno di progettazione e programmazione, prima la inizierete e prima arriveranno i risultati.

Per approfondire l'argomento e calarlo sulla tua azienda

Fonti e Risorse
Zero Moment of Truth; Google

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

Ricerca

Iscriviti al blog

Ultimi articoli

Non stiamo parlando di un ponte fisico, ma della Joomla! World Conference che si terrà a Roma a Novembre.

Vi racconto l'evento su SEO (search engine optimization) e i principali CMS per la gestione dei contenuti dei siti web.

Venerdì 5 maggio è ufficialmente partito il nuovo Capitolo BNI Gheppio, un team di imprenditori e professionisti.

Il 29 Aprile ho superato l'esame per ottenere la certificazione di Google riguardante i siti web per dispositivi mobili.

Facebook