Si può comunicare senza disturbare?

Si può comunicare senza disturbare?

La maggior parte delle tecniche di comunicazione e pubblicità interrompono e disturbano le persone mentre stanno facendo qualche cosa di diverso, qualche cosa che non ha nulla a che vedere con la proposta di prodotto e servizio che ci stanno propinando.

Apri la mail e ci sono tanti di quei messaggi che, se non li riconosci come richiesti, vanno a finire direttamente nel cestino senza neppure leggerne l'anteprima.
Le telefonate, tassativamente nelle ore pasto, delle compagnie telefoniche che ti propongono la nuova e imperdibile tariffa abbinata al nuovissimo smartphone.
La pubblicità non richiesta mentre stai guardando il tuo programma preferito alla tv, oppure stai utilizzando la tua app nel tablet, oppure stai visionando i tuoi canali youtube preferiti.

Oramai nessuno vede e ascolta più la comunicazione e la pubblicità. Le mail vanno a finire nello spam; alle telefonate rispondiamo con toni poco affascinanti o addirittura mettiamo giù senza rispondere (poveri operatori); siamo disposti a pagare qualche euro in più per non avere la pubblicità nelle app di smartphone e tablet.
La comunicazione e la pubblicità in particolare sono diventate un rumore di fondo nella vita quotidiana che si confonde con tutto il resto.
Possiamo dire che oggi la comunicazione è molto meno efficace di quanto non lo fosse un tempo.

Se ti stai chiedendo se esiste un sistema efficace, senza disturbare i tuoi possibili clienti, la risposta è: forse si!

Non c'è più nessuno, ma dove sono tutti?

cane solitario

I dati Audiweb ci dicono che, nel primo semestre del 2015, 41 milioni di Italiani dichiarano di collegarsi ad internet. Di questi, 30,6 milioni possono acedere tramite smartphone, e 11,6 milioni da tablet.

Nel mese di giugno 2015 risultano essere 29 milioni gli Italiani che hanno navigato almeno una volta al mese, che corrisponde al 52,6% degli Italiani dai 2 anni in su.

Questi dati ci dicono che internet è il luogo dove stanno i tuoi possobili clienti, e non ci sono solo per divertimento, ma soprattutto per ricercare informazioni sulle loro necessità e per i loro acquisti. Ne abbiamo parlato nel post "Il web marketing mette le persone al centro" con il momento zero della verità [Zmot].

Smetti di cercare i clienti, sono loro che trovano te

i clienti trovano te

Le persone hanno a disposizione, in qualsiasi momento della giornata, moltissime informazioni fornite da internet e trovate attraverso l'interrogazione dei motori di ricerca. Sono informazioni che hai a portata di mano grazie agli smartphone, collegati in modo permanente con la linea internet.

E' necessario che tu e la tua azienda vi facciate trovare dove le persone si informano, quindi su internet. L'inbound marketing è un sistema che utilizza metodi molto meno invasivi e percepiti in modo diverso rispetto alla classica comunicazione e pubblicità.

Attenzione però a non dire che l'inbound marketing è il web marketing. Ci sono tecniche di web marketing che disturbano e interrompono le persone. Il pop-up è una forma di interruzione, i messaggi pubblicitari prima dei video di youtube sono un'altra forma di disturbo e si avvicinano molto al modello televisivo.

Alcuni strumenti di web marketing possono essere utilizzati sia per il metodo "non disturbo" che esattamente per il contrario. Posso dirti con certezza che l'efficacia del sistema non dipende da quale strumento usi, ma soprattutto da come lo usi.

La tecnica dell'inbound marketing non si basa sul prodotto o servizio offerto, essa si basa invece sul cliente e lo fa diventare il centro, la parte con la quale dialogare.

marketing di successoL'inbound marketing non segue solo l'intero processo di acquisto ma prosegue anche dopo.

Il metodo prevede una serie di attività perchè gli utenti sconosciuti diventino visitatori, i visitatori diventino contatti, i contatti diventino clienti, ed infine prevede di mantenere un dialogo con i clienti già acquisiti.

Nell'inbound marketing si attira l'utente sconosciuto al proprio brand attraverso strumenti come il sito, il blog, i social media, le pratiche SEO e l'ottimizzazione dell'esperienza utente nel mobile.

Si converte il visitatore attraverso la richiesta di azioni nelle pagine del sito, la compilazione di un form o l'iscrizione alle newsletter.

Il contatto diventa poi cliente attraverso attività di profilazione con l'utilizzo del CRM, la comunicazione attraverso mail e la interazione attraverso i social network.

Il cliente viene poi deliziato mantenendo un dialogo attraverso le newsletter, ancora i social network e le attività di sondaggio per i preziosi feedback.

Un grosso vantaggio dell'inbound marketing, ma più in generale per le attività di internet, rispetto al marketing tradizionale, è che tutti i passaggi possono essere tracciati e controllati con precisione.

Questo favorisce le decisioni e gli investimenti futuri. Possiamo saper quale campagna ha dato i migliori risultati e continuare ad investire, viceversa possiamo sapere quale attività non ha portato i frutti sperati e possiamo migliorarla o sospenderla. Possibilità per lo più sconosciute nel marketing tradizionale.

Post Scriptum
L'inbound marketing, il metodo di comunicare senza disturbare, non è gratis ma sicuramente ha costi nettamente inferiori ai metodi tradizionali. Molte delle attività dell'inbound marketing non richiedono investimenti diretti in denaro, molto spesso è il proprio tempo quello che viene richiesto, ma ci sono anche attività, che non disturbano al 100%, ma sono a pagamento. Un esempio per tutti sono le campagne AdWords di Google che consentono di essere trovati da chi sta cercando la tua soluzione o il tuo prodotto.

Per approfondire l'argomento e calarlo sulla tua azienda

Fonti e Risorse
StockVault su Freepik
Nvtrlab su Pixabay
Coppermines su Pixabay
Ralfbeck su Pixabay
Inbound Marketing: Le nuove regole dell'era digitale

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

Ricerca

Iscriviti al blog

Ultimi articoli

Non stiamo parlando di un ponte fisico, ma della Joomla! World Conference che si terrà a Roma a Novembre.

Vi racconto l'evento su SEO (search engine optimization) e i principali CMS per la gestione dei contenuti dei siti web.

Venerdì 5 maggio è ufficialmente partito il nuovo Capitolo BNI Gheppio, un team di imprenditori e professionisti.

Il 29 Aprile ho superato l'esame per ottenere la certificazione di Google riguardante i siti web per dispositivi mobili.

Facebook